Saldatura testa-testa

Metodi di giunzione – Saldatura testa-testa

La condizione necessaria all’applicazione di questa tecnica prevede che i tubi ed i raccordi abbiano gli stessi diametro e spessore nominali. Il procedimento prevede il raggiungimento della fusione degli elementi da sottoporre a giunzione, attraverso un opportuno termoelemento (saldatrice a piastre), e quindi nel portare a contatto le due estremità esercitando una compressione per tempi stabiliti. Gli standard di riferimento per questo tipo di saldatura sono:

  • UNI 10520 (1997): per tubi di tutti i tipi di PE di qualsiasi dimensione:
  • UNI 10967 (2001): per tubi in PE100 con spessore maggiore di 20 mm

 

La saldatura deve avvenire in luoghi asciutti ed al riparo da eventuali eventi atmosferici (pioggia, neve, vento, irraggiamento solare diretto) ed in un intervallo di temperature compreso tra -5 e +40 °C. Nella fase preliminare della saldatura, è necessaria la pulizia accurata delle superfici degli elementi da collegare, il loro bloccaggio ed allineamento (con un disassamento massimo del 10% ed in ogni caso mai superiore a 2 mm) e la fresatura delle superfici da saldare immediatamente prima di procedere alla giunzione. Il ciclo di saldatura è suddiviso nelle seguenti fasi, dettagliate nel prospetto successivo:

 

  1. Accostamento e preriscaldamento: le due superfici da saldare sono avvicinate al termoelemento alla temperatura di T, assoggettate ad una pressione pari a 0,15 MPa e mantenute in contatto per un tempo t1 necessario ad ottenere un cordolo uniforme avente larghezza pari a (0,5 + 0,1·en dove en = spessore di parete del tubo) mm; i valori di pressione del circuito idraulico per questa condizione dipendono dalle caratteristiche costruttive della saldatrice (i valori sono tabulati per ogni modello dal rispettivo produttore);
  2. Riscaldamento: la pressione viene ridotta a 0,02 MPa e mantenuta per un tempo t2;
  3. Rimozione del termoelemento: dopo aver allontanato le due superfici, il termoelemento deve essere tolto nel più breve tempo possibile per non raffreddare eccessivamente la zona di saldatura (comunque non superiore a t3);
  4. Raggiungimento della pressione di saldatura: le due superfici da saldare sono poste in contatto aumentando gradualmente la pressione in un tempo pari a t4 e fino al valore di 0,15 MPa;
  5. Saldatura: le due superfici sono mantenute in contatto con una pressione pari a 0,15 MPa per un tempo t5;
  6. Raffreddamento: gli elementi devono essere mantenuti bloccati alla saldatrice per un tempo t6.

 

Parametro Unità di misura PE80 e PE100 (UNI 10520) PE100 (UNI 10967)
en ≤ 12 en > 12 en < 20 en ≥ 20
T elemento °C 210 ± 10 200 ± 10 215 ± 20 230 ± 5
t1 S Vedi punto 1 Vedi punto 1 Vedi punto 1 Vedi punto 1
p1 MPa 0.15 0.15 0.15 0.15
t2 S (12 · en) ± en (12 · en) ± en (12 · en) ± en (60 ·10 · en) ± 1%
p2 MPa 0.02 0.02 0.02 0.02
t3 s < 4 + 0.3 · en < 4 + 0.3 · en < 4 + 0.3 · en < 10
p3 MPa 0 0 0 0
t4 s 4 + 0.3 · en < 4 + 0.3 · en < 4 + 0.3 · en ≤ 10
t5 s (3 + en) · 60 (3 + en) · 60 (3 + en) · 60 10
p5 MPa 0.15 0.15 0.15 0.15
t5 bis s (3 + en) · 60
p5 bis MPa 0.05 ± 0.01
t6 s
p6 MPa 0 0 0 0

Ciclo di saldatura per PE80 e PE100 secondo UNI 10520

Ciclo di saldatura per pe80 e pe100 secondo uni 10520

Ciclo di saldatura per PE100 (en≥20 mm) secondo UNI 10967

Ciclo di saldatura per pe100 (en≥20 mm) secondo uni 10967